lunedì 21 novembre 2016

Fuori i pedoni - D293-4

Ho sempre pensato che un modo per conoscere molto della nostra società, economia, civiltà, sia muoversi a piedi, soprattutto dove non è previsto che lo si faccia. Anche nelle città più belle a me piace esplorare le strade dei retro, quelle con gl’ingressi tecnici ad alberghi e ristoranti, in cui si capisce come funzionano per esempio la mobilità commerciale e la raccolta dei rifiuti.

Qualche giorno fa ho compiuto un esperimento simile a quello che già ho raccontato qui, di quando m’incaponii a raggiungere a piedi dalla più vicina stazione ferroviaria la sede della Motorizzazione civile di Roma Nord.


A piedi dall'aeroporto

Stavolta ho provato ad allontanarmi a piedi dall’aeroporto di Fiumicino. Direzione: il vicino centro commerciale Da Vinci, alla confluenza tra le autostrade Roma-Fiumicino e Roma-Civitavecchia. Da lì, prevedevo di proseguire ancora a piedi fino alla vicinissima stazione del treno di Parco Leonardo.

Il percorso a piedi (in rosso)
dal parcheggio dell'aeroporto al centro commerciale
In realtà ho iniziato barando un po’: ho preso la navetta aeroportuale verso il parcheggio lunga sosta, che mi ha permesso di risparmiarmi il percorso interno all’area dell’aeroporto che conoscevo già bene. Sceso dalla navetta nei pressi di quel che credo sia il cosiddetto “polmone” dei taxi (il parcheggio dove le auto pubbliche attendono di potersi mettere in fila ai terminal) le cose sono diventate subito difficili. Incamminandomi in direzione NE verso via dei caduti dell’Aviazione Civile mi sono trovato stretto tra il guard-rail della Roma-Fiumicino e un piccolo fossato, che mi ha costretto a scavalcare il guard rail un paio di volte per progredire.
Alla fine, attraversato un raccordo con ulteriore scavalcamento e attraversata via dei caduti dell’Aviazione Civile, ho imboccato una strada di ghiaia parallela all’autostrada, che secondo Google maps si chiama già via Geminiano Montanari, come la strada un paio di chilometri più a NE dove sorge il centro commerciale, e che stando alle mappe era la via migliore. In effetti poteva essere perfetta: senz’auto, dritta e protetta rispetto all’autostrada.
Una via ciclabile ideale, non fosse per la sequenza costante di rifiuti scaricati, perlopiù rifiuti edilizi in quei sacchi trasparenti che le aziende che fanno ristrutturazioni dovrebbero poi conferire in discarica. Il senso di degrado purtroppo era opprimente. Alla mia sinistra osservavo una zona perlopiù pratosa, area credo un tempo di paludi e oggi bonificata, di impossibile accesso a causa delle recinzioni da cui si intravvedono un bacino artificiale forse asservito all’aeroporto e alcuni locali tecnici. Nella mia strada rettilinea di circa un chilometro ero solo, e malgrado ci fosse ancora la luce del giorno mi sono sentito a disagio.
Ho accelerato il passo tra commoventi residui di arredamenti anni ottanta e vecchi frigo che evidentemente qualcuno è riuscito a portare qui ma non a una certo più vicina isola ecologica, finché la strada-discarica si è riversata su via della Corona Boreale dopo una barriera mobile che avrebbe dovuto impedire l’accesso ma che qualcuno è riuscito a spostare.
Ero di nuovo tra asfalto e auto, ai cui occupanti probabilmente sarò sembrato uno che ha finito la benzina.

Ed eccomi all’inizio dei parcheggi del centro Da Vinci, il villaggio commerciale stile outlet ispirato ai mall americani e che raccoglie molti grandi magazzini, ristoranti e luoghi d’intrattenimento. Un luogo tutto sommato accogliente e ben realizzato.

Pensavo il peggio fosse passato, visto che da lì mancava solo raggiungere a piedi la stazione del treno di Parco Leonardo. 
Invece no.


Verso la stazione

Il centro commerciale sullo sfondo.
Alle mie spalle il percorso pedonale del cavalcavia che attraversa
la Roma-Fiumicino e che inizia (e finisce) nel nulla
Cerco invano un percorso pedonale segnalato, poi chiedo lumi alla cassiera di uno dei negozi.
A questo punto, sono pronto ad avventurarmi.
Inizio attraversando un campo a S dei parcheggi, dove qualche altro pedone deve aver nel tempo tracciato un sentiero che porta fino all’attacco di una rampa che scavalca la Roma-Fiumicino e da cui parte anche un raccordo automobilistico che porta a una sua complanare.
Vedo che la rampa che sale al viadotto ha per fortuna un'area pedonale esterna protetta al lato della carreggiata. Per raggiungerla salgo una piccola scarpata fangosa dal prato. Prendo a camminare tra guard-rail e paratia esterna, ma in cima alla rampa mi trovo in un incredibile cul-de-sac: il percorso finisce sbarrato da un altro guard-rail.
L'area pedonale del cavalcavia si rivela
un cul de sac
L’unica è scavalcarlo e attraversare uno svincolo in curva per raggiungere un’altra rampa che scende finalmente nella zona della stazione e che di nuovo ha un percorso pedonale imprigionato.

Mi chiedo: la proprietà del progetto del centro commerciale, quando ha negoziato le infrastrutture di urbanizzazione del villaggio, perché non ha pensato all'accessibilità pedonale allo stesso modo in cui ha pensato agli altri servizi e alle automobili?
Oppure sono stati gli amministratori pubblici a non avere la capacità di realizzare le infrastrutture se non in modo parziale?

Ma i clienti-pedoni di un villaggio commerciale potrebbero essere destinati a crescere, come testimonia il sentiero spontaneo sul campo, e la libertà di movimento a piedi fino alla stazione dei dipendenti dovrebbe essere tenuta in conto anch’essa, no?


martedì 8 novembre 2016

Terremoto in finanziaria - D292

I terremoti del versante Ovest dei monti Sibillini di ottobre [2016] culminati nella violentissima scossa del 30 mattina hanno avuto la piccola fortuna di avvenire in prossimità della presentazione alle Camere e all’Unione Europea del disegno di legge di bilancio 2017, che rafforza notevolmente gli sconti fiscali per gl’investimenti in riqualificazione anche antisismica degli edifici nelle zone di rischio 1,2,3 (quindi anche l’intera Roma, per esempio, è inclusa).

Una vista serale da un palazzo di piazza Venezia a Roma
(Foto di Giosetta Ciuffa)
Lo strumento è sempre quello della detraibilità parziale dall’IRPEF delle spese sostenute, in rate annuali e con un ammontare massimo. Ma sono i livelli e le condizioni a essere stati innovati, con un criterio comune sia per la riqualificazione energetica che per quella antisismica, cioè l’aumento dei vantaggi e della durata della vigenza del beneficio per gli interventi nelle parti comuni degli edifici. Anche i tetti massimi di spesa detraibile sono aumentati rispetto al passato, e dipendono dall’efficacia dell’intervento. Nel caso di forte miglioramento della resistenza ai sismi (-2 classi di rischio), la detrazione può raggiungere l’85% delle somme se le ristrutturazioni interessano parti comuni degli edifici, su un massimo di spesa elevato a 96000 Euro per ogni unità immobiliare, più del doppio rispetto agli interventi di riqualificazione energetica. La cosa ulteriormente interessante è che la detrazione si svolge in 5 anni e non 10 come per gli altri interventi che non interessano la resistenza ai sismi.
Dunque tenendo conto degli attuali tassi di interesse, del breve lasso di tempo di rientro e dell’ammontare della detrazione, si può dire che gli edifici possano essere messi in sicurezza quasi del tutto a spese dello Stato.

E se lo fanno tutti?
Sospetto però che se in tanti usufruissero di questi vantaggi difficilmente lo stesso Stato potrebbe onorarli. Se mezzo milione di edifici di dieci appartamenti venissero ristrutturati nel 2017 per migliorarne drasticamente la resistenza ai terremoti, i proprietari acquisirebbero il diritto a sconti fiscali complessivi fino a oltre 400 miliardi, di cui più di 80 esigibili già con la dichiarazione dei redditi 2018, pari a oltre la metà dell’intera spesa sanitaria pubblica annuale.

È anche vero che se per lo Stato la spesa per una simile mobilitazione sarebbe proibitiva, lo sarebbe di più anticipare le cifre per i privati. Il che è uno dei motivi principali per cui fino a ora il meccanismo delle detrazioni per le spese edilizie e di efficientamento ha funzionato perlopiù per interventi modesti, non strutturali e nei singoli appartamenti.


Cessione del credito?
La proposta di legge di bilancio del Governo affronta il problema prevedendo la possibilità di cedere il credito delle future detrazioni a chi svolge i lavori o a privati, ma esplicitamente vieta di farlo verso intermediari finanziari. La ratio di questo strano divieto mi sfugge, e mi sembra anche incoerente con quanto lo stesso Governo aveva ipotizzato con il cosiddetto “piano periferie”, di cui ha parlato a Derrick il presidente dell’Enea, che addirittura prevedeva una garanzia pubblica per gli istituti di credito che anticipassero i costi delle ristrutturazioni agli edifici.
In ogni caso, il fisco decisamente sembra voler fare la sua parte per la messa in sicurezza conservativa degli edifici. Resta la grande assente: un’iniziativa per la demolizione e ricostruzione.

Link

Derrick sugli incentivi fiscali all'efficienza energetica 2016 (in via di modifica con la legge di bilancio 2017)

lunedì 31 ottobre 2016

Replica di D287

Michele Governatori, nella domenica in cui di solito registra Derrick, è stato impegnato al XV congresso di Radicali Italiani. Per questo ripropone per la trasmissione del 1 novembre questa puntata.

Ciao a tutti gli ascoltatori