lunedì 17 aprile 2017

Il G7 energia a Roma (Puntata 310)

Si è tenuto, come dicevamo nella scorsa puntata, il G7 energia il 9 e 10 aprile 2017 a Roma.

Ponte di barche sul Po di Goro
fotografato da Derrick nel 2011
Il report ufficiale in inglese nel sito web dell’evento mi ricorda uno di quei temi in classe dove gli studenti infilano in modo convenzionale tutte le cose che ritengono sia giusto dire di un determinato tema, in una sorta di retorica che in questo caso stride parecchio sia con quanto, non per colpa del nostro Governo, il G7 non è riuscito a concordare, sia con quanto invece il nostro esecutivo dimostra almeno per ora di non essere seriamente interessato a fare malgrado le rituali dichiarazioni d’intenti.

Vediamo qualche punto specifico dalla relazione del G7.

Il nodo fondamentale è la presa di posizione sugli obiettivi di decarbonizzazione di cui
agli accordi di Parigi e Marrakech (i quali prevedono la stabilizzazione delle emissioni climalteranti e il contenimento dell’aumento di temperatura sotto i 2 gradi rispetto a all’era preindustriale). Gli Stati Uniti hanno affermato di non essere in grado di confermare l’impegno, il che prelude direi alla violazione dei relativi accordi e qualifica gli USA, almeno fino a diversa decisione, come Stato-canaglia ambientale.
Chiarita la grana, il documento procede con le sue belle parole (ma un po' buttate lì senza molte considerazioni sui legami tra gli obiettivi e sugli strumenti per attuarli) riguardo alla “resilienza” del sistema energetico, alla diversificazione delle fonti, agli investimenti in energie pulite (“clean”) e intelligenti (“smart”).
In termini di decarbonizzazione, una volta affermato il disimpegno americano, non mancano gli auspici a sviluppare le tecnologie di cattura riuso e stoccaggio dell’anidride carbonica, tecnologie con prospettive di costi molto maggiori rispetto a quelli necessari a contenere le emissioni. Auspici quindi velleitari, perché non si capisce il motivo per cui un paese (gli USA) non disposto a impegnarsi nel contenimento dovrebbe svenarsi nella costosissima cattura e stoccaggio.

Se è vero, come Derrick crede, che gli incentivi (o disincentivi) economici sono importanti nell’orientare investimenti e scelte di consumo, sono felice di vedere che non manca nel documento dei sette l’impegno (già preso in altri contesti peraltro) a eliminare i sussidi “inefficienti” alle fonti energetiche fossili.
Benché la parola “inefficienti” servirà quasi di sicuro a rendere l’impegno opinabile, sarebbe comunque una bella notizia se almeno il nostro Governo fosse credibile in questo obiettivo.

Ebbene, se solo un paio di mesi fa è uscito il fondamentale “catalogo” dei sussidi ambientalmente favorevoli e sfavorevoli del ministero dell’ambiente, che auspica l’eliminazione di tutti i sussidi sfavorevoli all’ambiente, costituiti soprattutto da sconti fiscali, fa invece cadere le braccia il fatto che l’appena uscito DEF non ne faccia parola, almeno non nelle 156 pagine del tomo principale né in quello dedicato alle riforme.
(Se mi sono perso invece per mia colpa o ignoranza un impegno del ministero dell’economia in tal senso, sarò strafelice di parlarne nella prossima puntata e invito chiunque sia in possesso di informazioni rilevanti a renderle disponibili a Derrick).

La frecciata pasquale conclusiva di Derrick è però di nuovo per il Governo USA. Il documento del G7 energia, tra le altre forme di diversificazione degli approvvigionamenti energetici, auspica lo sviluppo dei transiti internazionali via nave di gas naturale liquefatto. Su cui proprio gli statunitensi stanno investendo in infrastrutture preparandosi a invadere di navi gasiere perlomeno il mercato asiatico con possibili conseguenze anche per quello europeo. Ebbene: come si concilia quest’obiettivo con il neo protezionismo? Gli USA che fino a recentemente vietavano per legge le proprie esportazioni petrolifere, intendono ora accrescere il nuovo ruolo d’esportatore proprio mentre chiudono all’import di merci?
Forse lo stesso G7 energia era un'occasione per aggiungere alle belle parole anche qualche nota critica rispetto allo strabismo americano.

martedì 11 aprile 2017

La nuova Strategia Energetica Nazionale (Puntata 309)

Nel 2013 il Governo elaborò la prima Strategia Energetica Nazionale dai tempi della liberalizzazione dell’energia. Il ministro di riferimento era Passera, il sottosegretario delegato Claudio De Vincenti. La strategia fu emanata con un decreto interministeriale che, a fine legislatura, non ottenne mai sanzione in Parlamento e difficilmente si può dire che essa sia considerabile vincolante per i Governi a seguire. Tuttavia, fu un lavoro importante, perché costringeva a vedere in modo unitario molte politiche dell’energia e a trovarne la coerenza tra loro e rispetto agli scenari attesi. Tra gli obiettivi principali che la strategia del 2013 prevedeva, c’erano lo sviluppo dell’efficienza energetica e delle infrastrutture utili a fare dell’Italia un cosiddetto “hub del gas” per l’Europa, cioè Paese di passaggio del gas nordafricano e azero (grazie al futuro TAP, quello le cui ultime miglia del tracciato sono in questi giorni bloccate dalle proteste di salentini che apparentemente temono un tubo sotto terra più di due centrali a carbone sicuramente dannose per la salute a Brindisi).

Bene, ora, in preparazione del G7 energia appena terminato a Roma, e di quello generale a Taormina a fine maggio 2017, il Governo ha annunciato una versione aggiornata del documento programmatico sull’energia e ne ha descritto gli obiettivi e gli aspetti principali dello scenario in una presentazione al Parlamento di inizio marzo 2017.

Il primo obiettivo del piano, l’unico su cui mi focalizzo in questa puntata, è la competitività del prezzo dell’energia.
Essa prevederà, secondo le slide del Governo, politiche per avvicinare il prezzo all’ingrosso del gas in Italia a quello del Nord Europa, prezzi che differivano nel 2016 in media del 13%.
Il punto di riferimento è l’hub fiammingo chiamato TTF, rispetto al quale è normale che resti un piccolo differenziale dato dai costi di trasporto.
È anche vero che se noi diventeremo un corridoio del gas, si presume che avremo rispetto al centro Europa vantaggi strutturali sul gas algerino, libico e, una volta che il TAP sarà attivo, azero.
Peccato che dall’Algeria le quantità di gas diminuiscano a causa dei consumi interni e degli scarsi investimenti, e che la Libia non sia certo una fonte sicura.

Traliccio di teleferica presso il passo Duron,
nelle Dolomiti trentine
Il corridoio che cita Calenda nella presentazione in ogni caso è un’altra cosa: il cosiddetto “corridoio della liquidità” che è in realtà un meccanismo (economico, non fisico) per mettere a disposizione del sistema capacità di importazione a prezzi vantaggiosi, finanziando la differenza rispetto al costo di mercato della capacità con un sistema a carico della generalità dei clienti.

E anche per l’elettricità appunto l’obiettivo è ridurre il differenziale nel prezzo finale, che pur abbassatosi molto è ancora in media positivo in Italia per alcune categorie di consumatori rispetto a molti Paesi d’Europa. Ma attenzione, se Calenda spesso richiama l’importanza di un accesso competitivo del manifatturiero all’energia, stando ai dati che lui stesso ha presentato, in confronto alla Germania il risultato di un prezzo più basso da noi già è raggiunto per tutte le imprese tranne quelle a consumi molto bassi, che da noi, come tante volte abbiamo detto qui, pagano l’energia carissima anche per finanziare le agevolazioni ad altre categorie.

Non parlano le slide, ma speriamo ne parlerà la strategia, di come rendere competitiva quella parte sempre più grossa della bolletta (circa i 2/3 per un’utenza domestica o di microimpresa) che non dipende dal prezzo dell’energia sul mercato, ma da come sulla base di norme vengono remunerate le infrastrutture di rete gestite in regimi di monopolio nazionali e locali, sempre più costose, e da come viene stabilita la parafiscalità, la cui voce principale (questa però in calo) sono gli incentivi alle fonti rinnovabili.

Ringrazio Fabio Pedone e Antonio Sileo, il quale con Antonio di Martino ha scritto della valenza giuridica della vecchia SEN 2013 qui.

martedì 4 aprile 2017

Giornata mondiale dell'acqua (Puntata 308)

Si è svolta lo scorso 22 marzo la giornata mondiale dell’acqua, e grazie all’apporto di Fondazione Barilla, per la precisione del Barilla Center for Food and Nutrition, che ringrazio, posso dedicare questa puntata ad alcuni dati sul consumo idrico nel mondo e in Italia. Per esempio: qual è il settore economico che consuma più acqua dolce? L’agricoltura, di gran lunga. L’industria, in confronto, ne usa meno di un terzo. E solo l’8% dei consumi in media riguarda l’uso domestico. Ma è evidente che i nostri comportamenti d’uso di altri beni, per esempio il cibo, si portano dietro i consumi di acqua necessari a renderli disponibili. Se sommiamo quindi il nostro uso diretto e indiretto d’acqua, la media mondiale procapite è di 3400 litri al giorno. Ma così nell’acqua come in altri beni primari non c’è equilibrio, e alcuni Paesi usano molta più risorsa degli altri. Noi siamo tra questi, visto che il dato procapite italiano è di ben 6100 litri, altissimo rispetto al mondo ma molto alto, del 25% circa, anche rispetto alla media europea.

Siamo un Paese dunque idricamente fortunato in termini di disponibilità, grazie alla nostra conformazione geografica, ma estremamente inefficiente nell’uso di questa risorsa, i cui costi sono sempre più legati al trattamento delle acque reflue.
Per quanto possa disporsi di acqua potabile in abbondanza, infatti, buttarla nello sciacquone o comunque sprecarla è molto costoso in termini di energia e infrastrutture, visto che quel volume sprecato ha bisogno di essere depurato e reinserito nel ciclo.

I nostalgici di vecchie polemiche ricorderanno le mie opinioni al tempo del referendum sull’acqua pubblica, fuorviante già nel titolo, referendum di cui uno dei quesiti imponeva di non far pagare nelle tariffe idriche i costi di investimento per rendere disponibile l’acqua. Come dire: siccome è un bene primario importantissimo, chi lo rende disponibile dovrebbe perderci soldi, cioè non essere in grado, salvo indebitarsi, di fare investimenti. E trattandosi a questo punto di aziende pubbliche il debito finisce comunque per tramutarsi in nuove tasse, sebbene differite, tasse però non pagate sulla base del consumo (o spreco) di acqua. Alla faccia dell’ovvio principio che chiunque dovrebbe essere disincentivato dallo spreco di una risorsa preziosa.

Sentiamo direttamente la voce di Marta Antonelli, ricercatrice e coordinatrice dell’area di ricerca della Fondazione Barilla:



Altre informazioni dal sito della Fondazione: qui.